venerdì 23 novembre 2012

Arancione? ... mmm ...zucca?

Ce l'ho fatta!

Non mi sarei mai perdonata di glissare di nuovo la partecipazione al contest di Cinzia e Valentina, questa volta no e, anche se in queste ultime settimane il tempo dedicato alla cucina è stato praticamente pari a zero,  sono riuscita a trovare un'idea stuzzicante da proporre loro ;)


A onor del vero, da inizio novembre di ricette "aranciose", per la mia testa, ne sono passate a bizzeffe, (sì, "aranciose",  nel senso che il colore dominante doveva essere appunto l'arancione ... no, no non centra l'agrume) ma nessuna di queste mi attirava particolarmente. Così, oggi, mi sono messa a tavolino con carta e penna come sono solita fare prima di organizzare un pranzo importante. Inizialmente ho stilato la lista degli  ingredienti già presenti a casa per evitare di acquistare altro cibo perché, come qualcuno di voi già sa, a fine mese è in programma un viaggio speciale :) e poi ho dato adito alla mia fantasia che ha inventato crespelle, budini, baci di dama, ecc. ma solo una è stata scelta per partecipare al contest. Una ricetta davvero semplice, con pochi passaggi e poco lavoro ma con un gusto avvolgente, caldo e tipicamente autunnale.


PIADINA ALLA NOCCIOLA CON ZUCCA, CACIOTTA E MOSTARDA VENETA

La caciotta è stata acquistata da Paolo al mercato di Cittadella e purtroppo posso solo dirvi solo che è stata prodotta in montagna, nella zona di Brescia e della Valcamonica, ma vi posso garantire che il suo gusto è speciale! :)


















Ingredienti per 4 piccole piadine


Per le piadine:
150 g farina 00
50 g granella di nocciola
sale
acqua tiepida
burro

Per la farcia:
200 g zucca marina di Chioggia
50 g caciotta affinata nelle foglie di radicchio
latte
sale
pepe

mostarda veneta


Come si prepara

Farcia.
Iniziare con il cuocere la zucca, quindi, pulirla eliminando semi e buccia, tagliarla a cubetti e cuocere in forno, coperta da carta alluminio per circa 15/18 minuti a 180 °C. Frullare la zucca fino a ridurla in purea ed unire due pizzichi di sale, uno di pepe e qualche goccio di latte per renderla più cremosa. Mescolare.
Tagliare a cubetti la caciotta.

Piadine alla nocciola.
Nel frattempo, in una ciotola, mescolare la farina con la granella di nocciola e qualche pizzico di sale, dopodiché aggiungere poca acqua alla volta ed iniziare ad impastare la miscela fino a quando il panetto sarà ben elastico. Dividere quest'ultimo in quattro palline  e tirare la sfoglia di ciascuna fino a raggiungere uno spessore di un millimetro.
Con la fiamma vivace scaldare una padella di ghisa o antiaderente e solo quando questa sarà rovente, spennellare la superficie delle piadine con il burro fuso e poi cuocerle un minuto per lato sulla padella.


Ultimazione e decorazione del piatto.
Farcire ogni piadina con due cucchiai colmi di purea di zucca e qualche cubetto di formaggio, arrolare e passare in forno già caldo per 5 minuti per far fondere la caciotta. Servire la piadina farcita, divisa a metà con   un cucchiaino di mostarda veneta e decorando il piatto con della granella di nocciola.



Con questa ricetta partecipo al contest "Colors & food what else?" di novembre.



16 commenti:

  1. ma Brava Valentina! Che inventiva :) alla crema di zucca non sarei arrivata, anche se mi piace un sacco.. dato poi che qui è abbinata alla nocciola, immagino la bontà.
    Mostarda e caciotta penso che siano un altro abbinamento da podio. E il tutto per una semplice piadina, che non è proprio scontata, no. Bravissima e trooooopo creativa :)
    GRAZIE!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cinzia! Sei troppo gentile, non voglio fare la modesta ma questo è davvero il risultato dei pochi ingredienti in casa e del poco tempo. E' semplilissima! :)

      Elimina
  2. Ma no!!! pure tu fai i pastrocchi per "visualizzare" il piatto!! anch'io sai, e mi aiuta tantissimo. Avrei voluto proprio vederli i tuoi baci di dama arancioni, chissà che bella intuizione che ti era venuta!
    La tua veresione di piadina è una genialata, mi piace da matti!! sei stata super!
    un abbraccio e buon we,
    Vale

    RispondiElimina
  3. Una piadina inaudita, speciale, con degli accostamenti davvero sublimi!! Altro che nouvelle cuisine o fusion.. Qui c'e genialità , creatività e tatto negli abbinamenti. Cara vale, quella crema di zucche deve essere buonissima e la mostarda... Wow:-) il tutto condito da una semplice ma non scontata piadina.
    Lo sai che venire a trovarti per me e' una tappa obbligatoria. Vederti crescere in così poco tempo e a far diventare amato questo blog mi rende fiera (sarà perché sono stata la tua prima follower?:)
    Ti abbraccio forte forte e ti ringrazio per gli auguri e i commenti. Sei una stellina ^_^

    RispondiElimina
  4. Valeeee! Ma tu sei un genio! :D Come dice giustamente Cinzia: è da podio! :D Sei strabrava amica mia, complimentoni!!! L'abbinamento è super, mi piace tantissimo! :D Un abbraccio fortissimo e continua così! :) :*

    RispondiElimina
  5. Che bella ricetta. Mi piace molto sia l'abbinamento sia l'idea della granella di nocciole nella piadina. Deve essere buonissima

    RispondiElimina
  6. Davvero interessante!!! Wow! Buona sia la piada che il suo contenuto. Davvero davvero curiosa

    RispondiElimina
  7. Caspita che ricetta, complimenti davvero!

    RispondiElimina
  8. Ma che brava,ricetta particolarissima come tutti i tuoi fantastici piatti! mi piacciono tantissimo,buona domenica Zagara & Cedro

    RispondiElimina
  9. Valentina , è una gioia vedere i tuoi piatti. Hai delle idee fantastiche!
    Mi piacciono sopratutto perché trasmetti una autentica passione per le cose buone, conoscenza e desiderio di condivisione, bravissima!!
    Buona domenica cara.
    Sandra

    RispondiElimina
  10. Ciao, grazie della visita e per avermi dato l'opportunità di conoscere il tuo bellissimo blog!!!
    Ti seguo e sono felice che siamo quasi vicine di casa perchè ritrovo nelle tue ricette i gusti, i sapori e i meravigliosi prodotti delle nostre zone!!!
    Questo colore arancione sarà difficile da dimenticare!!!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Ragazze, non avete idea di quanto nutrite la mia anima con le vostre parole, vi ringrazio molto e vi abbraccio forte!
    Valentina

    RispondiElimina
  12. Sono finita a sbirciare perchè ti seguono alcune tra mei amiche blogger preferite e ho fatto bene a fidarmi! Da oggi ti seguo anche io!!!
    Baci

    RispondiElimina
  13. Vale questa ricetta è meravigliosa...ricca di tecnica, originalità, follia...mi piace troppo, è un esperimento bellissimo che ti copierò sicuramente...Uno chef molto importante che ho incontrato ieri..mi ha detto che..dietro la nascita di un piatto eccezionale c'è sempre un lavoro immenso...bisogna pensarlo,immaginarlo, scriverlo, provarlo e assaggiarlo...tu oggi ci hai mostrato un piatto da vera chef! Bravissima davvero!
    In bocca al lupo per il contest
    Un bacio
    Paola

    RispondiElimina
  14. Meravigliosa ricetta Valentina!!
    Super originale e gustosa!!
    In bocca al lupo per il contest!!
    Ciao ;-) Roberta

    RispondiElimina
  15. Ciao Valentina, rispondo qui alla tua domanda. Madrid è stata bellissima. Partiamo dal presupposto che adoro la Spagna e piano piano me la sto girando tutta. Madrid per me è stata davvero una bellissima meta, ricca di arte e davvero sempre aperta. Una città che davvero non dorme mai :D

    RispondiElimina

Lasciatemi il vostro pensiero, sarò ben felice di leggere un po' di voi ...